Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.557 sagre

invia Invia

Salva

Dal 24 al 25 aprile 2016

Fatti mandare dalla mamma, alla Festa del latte

Festa del latte

Morimondo (MI)

Festa del latte
E SAPEVATE CHE...?


Le mucche amano la musica classica! Un recente esperimento condotto su 1000 bovine da latte ha dimostrato che la produzione di latte viene agevolata sia in quantità che in qualità dalla musica.

Su 3 gruppi di bovine a cui sono stati fatti ascoltare 3 diversi generi musicali, i risultati hanno mostrato un incremento della produzione del 3% grazie alla musica di Beethoven.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Forse non vedrete gli stracchini volare, ma alla Festa del latte di Morimondo di sicuro rimarrete a bocca aperta, o meglio piena, per la quantità di prelibatezze con cui vi troverete a confrontarvi.

Una giornata imperdibile per tutti i buongustai, all’insegna del buon gusto e che nasce da una tradizione che si perde nel tempo.

Secondo la tradizione del calendario ambrosiano, il 23 Aprile si celebra San Giorgio, patrono dei lattai, e nei tempi che furono i mandriani e i venditori al dettaglio siglavano in questo giorno dell’anno i loro contratti di fornitura del latte.

E anche allora per festeggiare gli affari conclusi, si celebrava l’accordo con le migliori leccornie a disposizione, Pan de mej ai fiori di sambuco preparato per l’occasione, accompagnato dalla panna liquida che i lattai regalavano a propri clienti.

Passano i tempi ma le tradizioni vengono perpetuate ogni anno, per la gioia delle migliaia di visitatori.

Con la mano nella mano, passeggiavi con lui…scusate, volevamo dire che passeggiando per il centro storico ne vedrete di ogni: laboratori del gusto, dimostrazioni, degustazione e vendita dei migliori prodotti tipici caseari delle cascine lombarde: stracchino, formaggi, latte e yogurt a filiera corta.

E ancora, una vasta selezione delle eccellenze food&wine del Pavese: salame d’oca, salame di Varzi, vini DOC dell’Oltrepò Pavese, riso biologico del Pavese, salse, marmellate, miele e dolci tipici quali le offelle di Parona.

Insomma una kermesse enogastronomica unica e assolutamente imperdibile per chi ha fatto del buon gusto una religione.

E se vedete l’eterno ragazzino cantare sopra uno stracchino volante, beh forse siete andati un po’ oltre con i vini dell’OltrePò.


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!