Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.587 sagre

invia Invia

Salva

25 settembre 2016

Una sagra con in palio un gran divertimento

Palio dell’oca e Sagra del salame d’oca

Mortara (PV)

Palio dell’oca e Sagra del salame d’oca
E SAPEVATE CHE...?


Le sette contrade mortaresi, come sempre accadeva anche nelle altre città medievali, sono l'emblema delle antiche corporazioni delle arti e dei mestieri: orafi, cacciatori, vasai, panettieri, mugnai, vignaioli, fioristi.

A ogni contrada corrisponde un quartiere della città, rappresentata da una coppia di colori istituzionali, sotto il cui stendardo si accodano centinaia di fedelissimi al seguito.

Vi elenchiamo le principali corporazioni associandole ai rispettivi colori: la Torre, corp. degli orafi, giallo e nero; il Dosso, corp. dei vasai, bianco e rosso; San Cassiano, corp. dei vignaioli, bianco e verde; San Dionigi, corp. dei panettieri, rosso e blu; Sant'Albino, corp. dei fiorai, bianco e azzurro, le Braide, corp. dei mugnai, giallo e rosso; il Moro, corp. dei cacciatori, giallo e verde.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Per fare un viaggio a ritroso di 7 secoli è sufficiente mettersi in macchina e raggiungere il Palio dell’oca e Sagra del salame d’oca di Mortara.

Una rievocazione storica che  farà rivivere per un giorno i fasti della corte ducale di fine ‘400 di Ludovico il Moro, Beatrice d’Este e della corte ducale. Associato alla manifestazione avrà luogo il Palio dell’Oca, una sfida avvincente tra le sette contrade cittadine: Torre, Dosso, San Cassiano, San Dionigi, Sant’Albino, Braide e Moro.

La gara si svolge come nel gioco dell’oca da tavolo. Il tabellone è formato da caselle in legno da circa 1 metro x 1 metro montate al centro della piazza dove si svolge la competizione.Le pedine sono umane e ogni contrada dispone di un arciere, che con la sua abilità determinerà l’avanzamento della pedina al proprio turno di tiro lungo il percorso di sessantatré caselle.

Il Gioco dell’Oca con pedine umane, secondo la leggenda, sarebbe nato per distrarre Beatrice d’Este, consorte di Ludovico il Moro, e le sue Dame durante la loro permanenza mortarese, mentre il Duca di Milano si dedicava alla caccia.

Associato al Palio, l’altro rilevante appuntamento è la Mostra del Palmipede, evento unico nel suo genere, che vedrà esposte più di 300 tra oche e anatre provenienti da tutto il mondo.Degustazioni di salame e altri prodotti tipici derivati dalla lavorazione della carne d’oca (petto, fois gras, prosciutto, ecc.) saranno disponibili per tutta la durata della manifestazione.

Organizzate subito la gita, eviterete di restare a becco asciutto!

[© Foto: Comitato organizzatore Sagra del Salame d’Oca di Mortara]


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!