Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.587 sagre

invia Invia

Salva

1 agosto 2015

Gli ingredienti giusti per una serata piccante

Sagra da pitta chjina

San costantino calabro (VV)

Sagra da pitta chjina
E SAPEVATE CHE...?


La Pitta è una ciambella di pane, le cui origini sembra si debbano ricercare proprio nella città di Catanzaro.

Il nome significa letteralmente schiacciata di pane e i fan degli archeologi lo fanno derivare dalla focaccia rituale decorata, picta cioè dipinta, offerta alle divinità dagli antichi popoli italici e romani.

Oggi la pitta si consuma in tutta la Calabria, semplice o farcita con gli ingredienti più vari, a seconda delle differenti tradizioni e ricette locali.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Siete pronti? Siete carichi e ansiosi di voglia? Ok, smettetela d’immaginarvi chissà cosa e preparatevi a partire in Calabria.

La sagra da Pitta Chjina è ormai un appuntamento fisso per l’estate vibonese, un ulteriore modo per far conoscere i prodotti di una terra bellissima come la Calabria. Il merito è quasi tutto suo, della Pitta Chjina, la regina della sagra.

Una sorta di focaccia ripiena, che servendosi di semplici ingredienti come lievito, farina e acqua, con aggiunta nel ripieno di pomodoro, tonno, olive, peperoni, e acciughe, anche grazie alla cottura tradizionale nel forno a legna riesce a mettere in risalto gli antichi sapori.

Per i più ghiottoni sappiate che le specialità locali non finiscono qui, potrete assaporare il meglio della cucina calabra: nduja, funghi, pomodorini secchi, salame, fileja, tonno e fagioli, tartufo di pizzo, e i prelibati dolci locali.

Avete presente la puntata dove Homer si cosparge la bocca di cera lacca per assaggiare dei peperoncini piccantissimi? Ecco forse non ci sarà bisogno di una soluzione così estrema, ma magari innaffiare il tutto con il buon vino locale potrebbe aiutare i palati più delicati e rifocillare quelli più forti.


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!