Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.557 sagre

invia Invia

Salva

10 aprile 2016

Anche un carciofo può far perdere la testa

Sagra del Carciofo

Sezze (LT)

Sagra del Carciofo
E SAPEVATE CHE...?


Fin dai tempi del Carosello, un noto liquore a basa di carciofo era consigliato “contro il logorio della vita moderna”.

Ma questa fama curativa è davvero meritata?

Pare proprio di sì: l'organo che trae maggior beneficio dalle proprietà del carciofo è il fegato; la cinarina, i cui benefici vengono disattivati dalla cottura (per questo motivo è meglio consumare il carciofo crudo), favorisce la diuresi e la secrezione biliare.

Secondo recenti ricerche scientifiche è stato dimostrato che mangiare carciofi contribuisce al benessere del nostro organismo e soprattutto a prevenire diverse malattie.

Il carciofo ha proprietà digestive e diuretiche e, grazie alla presenza di inulina permette di abbassare i livelli di colesterolo.

Insomma, per una volta è il caso di credere alla pubblicità!

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Carciofo, si sa, è sinonimo di bruttezza. Ma chi se ne importa?

Qua a Sezze i carciofi sono fatti per essere mangiati, mica guardati.

E se qualcuno pensa di mangiarseli con gli occhi, sappia che priverebbe la sua bocca di un gusto eccezionale.

Oh, pochi scherzi: stiamo parlando di un appuntamento ormai atteso da tutto il Lazio per poter gustare il vero carciofo romanesco cotto nei modi trasmessi dalla tradizione.

Durante la sagra si potranno assaggiare diversi piatti tipici, tutti rigorosamente a base di carciofi. L’obiettivo della manifestazione è quello di rilanciare il vero carciofo romanesco nella provincia, attraverso le degustazioni e gli spettacoli; il centro storico e tutti i vicoli di Sezze si animano, attirando turisti e curiosi da ogni parte del territorio.

A noi non resta che lasciarvi con un ultimo, prezioso consiglio: chiudete gli occhi e aprite la bocca.


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!