Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.587 sagre

invia Invia

Salva

17 gennaio 2016

La classe fa la braciola mentre spiego

Sagra della braciola

Camerata Nuova (RM)

Sagra della braciola
E SAPEVATE CHE...?


Le origini della Sagra della Braciola sono abbastanza calde e vive nella memoria della popolazione locale.

Secondo la tradizione, infatti, questa manifestazione nasce per commemorare l'incendio che scoppiò il 9 gennaio 1859, in una casa dove stavano cuocendo braciole di castrato, e poi si propagò lungo tutto il borgo di Camerata Vecchia.

Da questo incidente ha avuto origine il nuovo agglomerato, ribattezzato con il nome di Camerata Nuova, e da qui l'idea di ricordare ancora oggi l'increscioso incidente con un grande fuoco in piazza su cui arrostire le saporite braciole.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Sì, d’ora in poi sarà questa la nota disciplinare che le professoresse scriveranno sul libretto dei buongustai più giovani. Perché, ne siamo certi, la Sagra della Braciola di Camerata Nuova farà diffondere a ogni latitudine e a ogni età la mania di questa prelibata carne.

Dentro vi sentite ancora l’età, e l’appetito, di quando prendevate 7 in condotta? Impazzite per la carne di castrato? Allora tutti in fila per due e partite pure voi per il borgo romano, il 20 gennaio per la delizia dei palati più esigenti vi attendono innumerevoli braciole insieme ai più tipici sapori romani.

Ad accogliervi, oltre ai profumi invitanti dell’arrosto, nella piazza principale di Camerata Nuova troverete la caratteristica graticola gigante dove gli abitanti del borgo cuoceranno le carnose braciole di castrato che verranno distribuite alle migliaia di visitatori che accorrono ogni anno.

E per i ghiottoni più insaziabili, ecco spuntare le migliori specialità locali come maccheroni al sugo di castrato e tanti contorni tipici della cucina laziale, come le biete al pomodoro, i carciofi alla romana, la stracciatella, i broccoli con salsiccia e intermezzi dolci come i deliziosi maritozzi o il ricco pangiallo.

Il tutto accompagnato ovviamente dai migliori vini del borgo, bianchi e rossi. Tutti questi sapori vi hanno messo in corpo un’incredibile voglia di scatenarvi?

Abbandonatevi dunque al divertimento lanciandovi nei balli in piazza, con la musica dal vivo, e liberate il liceale che c’è in voi. Vedete solo di non disturbare l’autista e non esagerare con i canti goliardici, non siete esattamente in gita scolastica…


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!