Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.557 sagre

invia Invia

Salva

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2015

Castagna Away

Sagra della castagna

Vitulano (BN)

Sagra della castagna
E SAPEVATE CHE...?


La castagna è un frutto che riesce ad adattarsi molto bene alle situazioni climatiche, ma allo stesso tempo, soprattutto nel periodo della sua formazione, è molto delicato.

Proprio per questo fin da due mesi prima della raccolta i contadini fiutano il clima nella speranza che dia il meglio di sé per un raccolto abbondante.

Per crescere al meglio questo prelibato frutto ha bisogno di particolari condizioni climatiche: sole in agosto, pioggia in ottobre e venti tiepidi.

Infatti, il nemico numero uno della Castagna è il vento freddo di tramontana, che a causa delle sue raffiche glaciali ferma lo sviluppo della castagna nel riccio. Così come ci ricordano diversi proverbi locali.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Siete pronti a partire per una terra incontaminata, tra boschi fitti e fonti che zampillano, poco distante da un posto chiamato Grotta dei Briganti?

Tranquilli, lasciate pure a casa il vostro amico immaginario Wilson, la bussola e il kit di sopravvivenza, si parte per la Sagra della Castagna di Vitulano. Dove  vi aspettano dei simpatici e abilissimi cuochi che cucineranno per voi la Castagna Enzeta in tutti i modi possibili e immaginabili.

Questo grazioso borgo, situato a poca distanza da Benevento, può vantare un glorioso passato sannita, ma è per la sua dolcezza che lo ricorderete.

Certo, perché nel caratteristico e suggestivo scenario di Casale San Pietro, troverete caldarroste e dolci di castagne elaborati secondo le antiche ricette della tradizione locale, e l’unico rischio lo correranno i più dediti all’ingordigia, scottandosi le dita con l’appetitosa delizia appena sfornata.

Allenate dunque le vostre mascelle e preparatevi a tirare fuori le vostre doti da maratoneti consumati di degustazioni per uno slalom ardito tra gli affollati stand gastronomici, dove potrete godere dei numerosi altri prodotti tipici del territorio campano, come il vino Aglianico del Taburno e il pecorino Vitulanese, gustandoveli fino all’ultimo sorso e boccone al ritmo delle bellissime musiche popolari, rigorosamente suonate dal vivo.

I più pigri mettano l’anima in pace, perché due passi tra le vie del borgo sono d’obbligo, infatti, nei portoni, nelle corti e nelle cantine potrete osservare i migliori prodotti dell’artigianato locale, ricami, quadri e le particolari performance degli artisti di strada.

I più dinamici potranno invece partecipare alle brevi escursioni guidate tra i castagneti oppure fare un po’ di trekking su e giù per i vicoli di Casale San Pietro.

Insomma, che vi avevamo detto? Un’avventura a tutti gli effetti, ma solo per il palato!


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!