Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.587 sagre

invia Invia

Salva

Domenica 9 marzo 2014

Una sagra giallo oro nel borgo di Nero...la

Sagra della polenta

Nerola (RM)

Sagra della polenta
E SAPEVATE CHE...?


L'assonanza tra il nome di questo caratteristico borgo e il nome dell'illustre imperatore Nerone è molto forte.

Un'antica leggenda narra, infatti, che la comunità locale assunse come emblema della rocca la testa di Nerone, contornata dalla scritta Comunitas Nerulae.

Gli antichi abitanti fecero addirittura incidere la testa dell'imperatore e la sua inscrizione su un prezioso sigillo d'argento, che divenne il simbolo dell'antico borgo.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Cari Sagranauti siete pronti a partire per una nuova avventura? Senza troppi giri di parole: destinazione Sagra della polenta di Nerola.

Ad attendervi ci sarà una golosità giallo oro, cremosa, compatta e dal cuore d’oro. Il suo segreto? Girare e rigirare, lentamente, dentro una pentola color rame! Se anche voi sta già girando la testa, state tranquilli, in realtà voi non dovrete girare molto.

Ci penseranno i volontari e gli organizzatori a farvi degustare le migliori prelibatezze a base di polenta. La portata principale, gialla, gustosa e prelibata, allieterà con le sue mille declinazioni e abbinamenti anche i palati più esigenti.

Questo prezioso borgo medievale, che si sviluppa attorno al maestoso castello fortificato di Castum Nerolae, si tinge di giallo per la gioia delle migliaia di visitatori che tra uno stand e l’altro potranno degustare la polentanei suoi colori e gusti migliori,con sugo di spuntatine e salsicce freschissime locali.

I più golosi potranno condire con gusto la serata, lasciandosi deliziare da un altro ingrediente dal colore pregiato e dal gusto inconfondibile: il famoso olio DOP servito confragranti bruschette.

Se siete abbastanza impavidi e ancora non ne avete abbastanza, accompagnare queste meravigliose delizie con l’ottimo vino locale, darà quella goccia in più di allegria e divertimento che non guasta mai.

Per digerire niente di meglio che aprire le danze e lanciarsi in sfrenati balli di gruppo, accompagnati dalla musica dal vivo dei migliori gruppi folkloristici locali, che suoneranno per voi organetti e fisarmoniche.

Svuotate il sacco dunque, impavidi golosoni: non vi è già venuto un certo languorino?


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!