Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.587 sagre

invia Invia

Salva

Dal 4 al 12 marzo 2016

La salsiccia ambasciatrice

Sagra della salsiccia al coriandolo

Monte San Biagio (LT)

Sagra della salsiccia al coriandolo
E SAPEVATE CHE...?


Le origini della salsiccia al coriandolo di Monte San Biagio sono ancora fonte di discussione tra gli studiosi.

Alcuni la fanno risalire al VI secolo, epoca in cui al borgo di Monticelli, antico nome del borgo, si instaurarono il Longobardi.

Altri ipotizzano che l'uso del coriandolo sia arrivato durante la dominazione saracena, infatti, questa spezia dal sapore molto forte era in grado di coprire il sapore della carne di maiale, giustificandone il consumo, vietato dalla religione islamica.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Preparatevi ad essere accolti con tutti gli onori, perché si parte per la Sagra della Salsiccia al coriandolo di Monte San Biagio, l’ambasciatrice delle tradizioni del Sud del Lazio.

Se vi state immaginando tappetti rossi e stuolo di guardie del corpo al seguito, dimenticatele. Ad attendervi troverete solo, si fa per dire, tutta la bontà di una delle specialità più ricercate in tutta la regione: la salsiccia al coriandolo.

Più facile a gustarsi che a dirsi questo gustosissimo impasto di carne dell’intero suino, peperoncino piccante, pepe rosso dolce, vino moscato e naturalmente coriandolo viene messo a essicare per essere in seguito affumicato.

Dal sapore inconfondibile questa ghiottoneria locale allieta le papille gustative di migliaia di visitatori che accorrono ogni anno in questo stupendo borgo del basso Lazio.

Le sapienti ricette tradizionali dei produttori locali daranno in mano agli chef tutte le carte in regola per farvi degustare questa prelibatezza in tutte le sue sfumature.

Il sapore classico, gustandola da sola cotta alla brace, sarà degnamente accompagnato in pompa magna da tantissime altre declinazioni: salsiccia con i broccoleti locali, salsiccia e fagioli, pizza e salsiccia, essiccata e pronta da affettare, solo per citare alcune tra la ricette più richieste.

Una tre giorni imperdibile per gli amanti dei gusti forti, ma anche per tutti coloro che cercano senza sosta la riscoperta dei sapori genuini. E perché no, un’opprtunità per i più ghiottoni di scoprie nuove pietanze da aggiungere al proprio personale palmares da sagronauta.

Cosa aspettate a partire? Non vorrete di certo declinare l’ospitalità dell’ambasciata del buongusto, qui si rischia l’incidente diplomatico.


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!