Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.587 sagre

invia Invia

Salva

Dal 11 gennaio al 14 febbraio 2016

San Peval di Segn

Massa Lombarda (RA)

San Peval di Segn

San Peval di Segn a Massa Lombarda in provincia di Ravenna, anche il 2016 si apre nel segno della comunità che festeggia il proprio Patrono, la Conversione di San Paolo.

È un momento prezioso, in cui tutti noi ci sentiamo un po’ più vicini alla nostra città. È il senso di comunità che emerge, che si rinnova e che ci aiuta, in periodi difficili come questi, ad affrontare le criticità con più coraggio e serenità.

La cultura serve a questo: a rendere una comunità più unita e solidale. San Paolo dei Segni è una festa, è il momento dove la città esprime le proprie energie, il proprio saper fare, le tradizioni e i valori che la sostengono. Le mostre, la buona cucina, la fiera, gli appuntamenti culturali e di spettacolo compongono un calendario ricco e rivolto a tutti.

Nessuno escluso. Un calendario frutto delle tante collaborazioni e dell’impegno delle associazioni coinvolte, a cui va il nostro ringraziamento.

Quest’anno, oltretutto, San Paolo si apre all’Europa. Il 23 gennaio, infatti, la Città di Massa Lombarda siglerà un Patto di Amicizia con il Comune di Saint Sylvain d’Anjou, della Regione della Loira (Francia). Ospiteremo una delegazione della città francese fino al 26 gennaio. Saranno giorni di scambio, di conoscenza reciproca, di incontro.

Si apre un percorso di amicizia che speriamo possa approdare in futuro ad un vero e proprio Gemellaggio, nella consapevolezza che rafforzare una comunità non significa trincerarsi dentro i propri sicuri confini, ma essere sempre pronti a dialogare con il mondo, forti dei propri valori.

Perché “San Pêval di Segn”?

Fin dall’antichità i contadini dotati di un acuto spirito di osservazione, vivendo a stretto contatto con la natura, da essa trassero gli elementi per interpretare i messaggi che da questa pervenivano. Osservavano la luna, il sole, il vento, il comportamento degli animali della corte, della stalla, il fumo che usciva dal camino, il contenitore del sale e un’infinità di tanti altri particolari e, interpretandone il significato, formulavano le loro conclusioni. Fu un processo molto lungo, frutto di osservazioni che si protrassero per secoli e che coinvolse decine e decine di generazioni. Alla fine del percorso, pur non conoscendo ancora le leggi che regolavano questi fenomeni, erano ugualmente in grado di interpretarle al meglio e fare previsioni sul cambiamento del tempo, con una buona approssimazione, che permetteva loro di organizzare il proprio lavoro nel modo migliore. Se ciò era possibile per una previsione limitata nel tempo, avranno pensato, perché non tentare di estenderla a tutto l’arco di un anno? Perciò, partendo dal medesimo concetto, elaborarono una teoria, molto più fantasiosa, anch’essa basata sull’osservazione dei fenomeni naturali.
Questa attribuiva alle condizioni meteorologiche dei primi 24 giorni dell’anno un valore di anticipazione valida per tutti i dodici mesi successivi. Le indicazioni scaturite dall’osservazione dei primi dodici giorni di gennaio, forniscono, nell’ordine, le indicazioni per i primi quindici giorni di ogni singolo mese. Le indicazioni dei restanti 15 giorni, sono ricavate dai 12 giorni successivi.Solo che nel secondo caso, l’abbinamento del giorno/mese va fatto a ritroso, cioè iniziando da dicembre, novembre, ecc., completando in questo modo la previsione. Questo periodo di ventiquattro giorni era chiamato “al spej di mis” (le spie dei mesi). Completata la previsione meteorologica, manca ancora la valutazione generale sull’andamento dell’annata. Questo compito era riservato al venticinquesimo giorno di gennaio, giorno di San Paolo (festa patronale di Massa Lombarda). Da qui San Pêval di Segn. Questa previsione si otteneva scrutando la giornata nei suoi eventuali cambiamenti, tenendo conto che:

  1. la pioggia, predice abbondanza;
  2. il sole, carestia;
  3. una giornata nuvolosa, un’annata normale. Questo per i raccolti. In generale, una giornata di vento è presagio di guerra. Una giornata di nebbia preannuncia un anno poco propizio per la salute.

 


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!