Alla scoperta di luoghi e sapori

sono presenti 4.557 sagre

invia Invia

Salva

Domenica 8 dicembre 2013

Carnia, di nome e di gusto

Sapori di Carnia

Raveo (UD)

Sapori di Carnia
E SAPEVATE CHE...?


Simili ai ravioli, i cjarsons vengono cucinati in acqua salata e, scolati, si condiscono con burro fuso e ricotta affumicata (scuete fumade).

In alternativa al burro, può essere utilizzato l'ont (burro schiumato da cui è stata eliminata l'acqua e raddensato per facilitarne la conservazione nei mesi estivi), che in tempi passati veniva largamente utilizzato nella cucina carnica nell'impossibilità di conservare il burro per lunghi tempi.

promosso da Italia Zuccheri, 100% zucchero italiano

Siete quel tipo di persona che ama poter raccontare agli amici “Sai che ho mangiato un piatto tipico, ma così tipico, che lo trovi solo in un piccolo paese sperduto sui monti dove lo cucina ancora l’ultima nonnina centenaria senza rivelare a nessuno la ricetta?”Allora probabilmente conoscete già questa sagra e sapete che è imperdibile.

Se invece non la conoscete ancora, sappiate che è imperdibile.

L’antico borgo di Ravio, affacciato sulle Alpi carniche, propone Sapori di Carnia, una domenica tra le prelibatezze del territorio: prodotti unici della montagna, sapori antichi, ricette provenienti da valli che costituiscono eccezionali suggestioni paesaggistiche.

Il territorio propone una cucina povera ma saporita, con pochi prodotti dall’agricoltura e molti dall’allevamento: polenta, patate e fagioli, formaggi e carne di maiale soprattutto (ottimi i salami, gli speck, le salsicce, la pancetta, il lardo e le braciole tutti rigorosamente affumicati per la conservazione).

In occasione della manifestazione il paese, addobbato a festa, secondo tradizione, con frasche di pino, pannocchie, bacche di bosco e decorazioni semplici, si trasforma in un grande mercatino, dove acquistare e degustare tipici prodotti enogastronomici: dalle marmellate, come quella di olivello spinoso prodotta a Raveo, alle mele, al sidro e ancora miele, salumi, distillati e grappe casalinghe.

Il percorso gastronomico si snoda tra i borghi del paese: al Borc de Vedue, sin dal primo mattino colazione della nonna conpolente e brume, crostes di polente tal lat, lis fritules di cavoce- frittelle di zucca – e prelibatezze originali, per continuare l’intero percorso tra minestre di fagioli, fagioli saltati in padella con pancetta, frico di patate, cjarsons – agnolotti d’erbe e spezie con burro fuso e ricotta affumicata – gnocchi di prugne e zucca, canederli, formaggi, ciccioli di lardo, formadi frant, dolci e tante altre delizie della Carnia.

Laboratori del gusto e degustazioni guidate aiutano i visitatori a destreggiarsi tra tante bontà.

Vedrete che faccia faranno i vostri amici quando glielo racconterete. A meno che non ve li portiate con voi.


AAA Avviso a tutti i Sagronauti. Talvolta le date subiscono variazioni all'ultima ora, vi consigliamo perciò di contattare gli organizzatori prima di mettervi in viaggio.
Se avete novità segnalatele alla redazione, buona sagra a tutti!